pier giorgio caria logo home

2021 10 02 vita Cristo conf

Ecco a voi un altro evento dal nostro archivio sulla figura del Cristo, tenutosi il 11 Aprile 2015 a Carpi, dal titolo “La vita di Cristo, il compimento delle sue profezie”.

Noi non sappiamo pensare, in quanto nessuno ci ha insegnato a farlo e non ci rendiamo neanche conto di non saperlo fare. Il pensiero è un esercizio realizzato secondo una triade svolta dallo spirito-intelligenza, ovvero tre fasi che sono la meditazione sui dati, la deduzione di una risposta ed infine la determinazione di una azione in base alla risposta ottenuta.

Molti di noi che sostengono di essere cristiani cattolici, di fatto non conoscono la scrittura, il vangelo. Il paradosso che si è venuto a creare nella presente terribile battaglia spirituale (Armagheddon), è che le potenze infernali hanno l’obiettivo di sterminare l'umanità terrestre e sibillinamente mescolano le carte, tanto che spingono il popolo a confondere il Cristo Divino con la Chiesa umana. Il risultato è quello di allontanare le anime che hanno maggiore sensibilità etica e spirituale, facendole uscire dal cristianesimo e mandandole a cercarsi altri Avatar, pur essendo nati in una società cristiana… questo succede perché la maggioranza della gente non ha mai capito veramente chi fosse Gesù Cristo.

Eppure il nuovo testamento dei cristiani ha dato la chiave di lettura più importante per comprendere il messaggio e l’insegnamento di Gesù Cristo; ha inoltre promesso il consolatore che avrebbe annunciato gli ultimi tempi ed ammaestrato gli spiriti desiderosi di conoscenza. Esso inoltre descrive e annuncia il ritorno di Gesù Cristo, l’unigenito figlio di Dio, che instaurerà la nuova era dopo avere compiuto il “giudizio Universale” (ovvero di tutti gli spiriti), per valutare chi sarà idoneo al nuovo regno. Saranno le azioni, le singole scelte, non i “credo” che distingueranno gli eletti dagli scartati ed i segni dei tempi indicano che l’esatto momento storico in cui l'umanità viene giudicata è prossimo.

Inoltre i segni celesti più moderni ci mostrano che Cristo è Cosmico, è l’essere supremo venerato da tutte le civiltà evolute, dopotutto il vangelo annuncia che Egli non tornerà da solo, ma sarà accompagnato dalle milizie celesti, che saranno la sua potenza e gloria. 

La divina misericordia del Padre creatore, nelle varie epoche, ci ha mandato altri messaggeri, in diversi ambiti della vita, i quali hanno messo in pratica i valori insegnati dal Cristo stesso. In questo evento è intervenuto uno di questi uomini, Giorgio Bongiovanni, un profeta moderno che è stato tramite, assieme al suo Padre spirituale Eugenio Siragusa, della più sublime e completa Scienza dello Spirito che avrebbe potuto cambiare il mondo se messa in pratica. 

Il ritorno di Cristo viene descritto nella “apocalisse - rivelazione” di Giovanni, contestualmente alla discesa della “nuova Gerusalemme Celeste”. La situazione mondiale attuale ed i piani delle menti criminali sono in linea con i fatti annunciati dell’apocalisse. Questo allineamento d’intenti dimostra che la regia è unica quindi Dio onnipotente ed onnisciente, usa l’apocalisse (che in greco significa rivelazione), per rivelare la sua presenza agli uomini, attraverso il Ritorno del suo unigenito figlio il Cristo!

Ci scusiamo se in questo documento “storico” la qualità audio e video non sono delle migliori, ma sicuramente contiene degli insegnamenti degni di essere condivisi.

VIDEO CONFERENZA

Pin It