pier giorgio caria logo home

2021 02 22 interviste pier giorgio caria parte terza banner

Di seguito l’atto finale dell’intervista al Dott. Carlo Palermo.
“I fatti che riguardano tutta la nostra storia, negli episodi più salienti, sono stati caratterizzati da un marchio che indica una struttura direttiva”, come ad esempio “il sequestro e l’uccisione di Aldo Moro”, o “l’attentato a Papa Wojtyla, che non per niente viene eletto alla fine dello stesso anno, nel 1978”.
Il Dott. Palermo ha infatti spiegato che l’attentato a Giovanni Paolo II era la “prosecuzione dello stesso problema esteso nei confronti del Vaticano”, di ciò che qualche anno prima aveva già portato al sequestro e all’uccisione di Moro”.
Secondo l'ex magistrato “esistono delle contiguità di condotta da qui a 40 anni fa. E in 40 anni di storia non è possibile che non ci si ponga come obiettivo di far luce su questi episodi”.

Per vivere veramente questo viaggio nel lato oscuro della storia, Carlo Palermo rimanda al suo ultimo libro “X Day. I figli dell’aurora” (Il Sacro Monte Editore) nel quale vengono spiegati tutti i passaggi dei fatti raccontati in questa intervista. Dal libro si evince inoltre che nei decenni da lui esaminati, sono rimasti pressoché immutati quegli equilibri e rapporti di potere a livello planetario, i quali influenzavano anche gli eventi a livello italiano.
“Dal periodo del 1975 ad oggi io cerco di lasciare una traccia di quelle che sono le mie riflessioni o considerazioni che potranno essere esatte o sbagliate, condivisibili o non condivisibili - ha concluso Carlo Palermo - però io credo che le linee che ho individuato indichino con molta precisione che il problema risiede in finalità di potere e di dominio sul mondo oggi pervenuto ad un livello di effettiva realizzabilità”.

Buona visione!

 VIDEO INTERVISTA

Pin It